lunedì 14 aprile 2014

2014 Week End a Palermo e Monreale


Cliccare sull'immagine per ingrandire
in sede o per e-mail le prenotazioni
(italiaenzo@gmail.com)

martedì 25 marzo 2014

2014 Attività addestrativa a fuoco presso poligono di S.Demetrio a Lentini

Si è svolta a cura del nucleo di Lentini Carlentini Francofonte la 4° Esercitazione a fuoco presso i Campi di Tiro di S.Demetrio. L'esercitazione finalizzata al mantenimento addestrativo degli ufficiali, come prevede lo statuto UNUCI, è stata coordinata dal Col. Giuseppe Parisi, Il Cap. Giuseppe Marziano ed il Ten. Lorenzo Bonaccorsi. Lo svolgimento dell'esercitazione, prevedeva due fasi, la prima relativa alla conoscenza sulle armi, componenti, proiettili, balistica, maneggio e sicurezza, e la seconda con esercitazione a fuoco nel poligono.
Nella prima fase, sono state illustrate a cura degli ufficiali organizzatori, le fondamentali nozioni sulle armi lunghe, ed in particolare: fucile M4, in dotazione all'U.S. Army e alle truppe speciali italiane; fucile a pompa calibro 12, l'AK 47 e l'AR 70/90. 
Nel poligono di S.Demetrio a Lentini, si è proceduto all'uso di queste armi, catalizzando tantissimo l'interesse di tutti i partecipanti, questo nella seconda fase dell'esercitazione.
In particolare  gli Ufficiali, si sono cimentati nella tecnica dei tiri d'istinto, con bersaglio fisso a 10, 15 e 20 metri, ed al cambio di caricatore, con arma corta. 
Una serie di tiri sono stati realizzati in movimento su sagome fisse, con tecnica di riparo e cambio caricatore, utilizzando sia arma corta ed arma lunga. L'esercitazione si è conclusa con alcune dimostrazioni di tiro in T.O. Una particolare menzione al Cap. Alfredo Lieto, (responsabile del poligono di S.Demetrio) che ha sapientemente argomentato sulle tecniche d'ingaggio e uso tecnico delle armi, accrescendo tantissimo il livello dell'esercitazione.



                                                                              Tenente Lorenzo Bonaccorsi



                                                              Breefing operativo del Cap. Alfredo Lieto



Tiro con arma corta del Cap. Giuseppe Marziano

lunedì 17 marzo 2014

2014 Novara di Sicilia circuito dei "I Borghi più belli d'Italia"

Prima uscita del 2014, giornata fresca, mitigata da un tiepido sole, per raggiungere tra i confini dei massicci montuosi dei Peloritani ed i Nebrodi, Novara di Sicilia. Per raggiungere questo alto comune del messinese, abbiamo utilizzato l'asse viario del Parco dell'Alcantara sotto le pendici dell'Etna, attraversando quasi per intero il corso dell'omonimo fiume. Geologicamente parlando,questo percorso che parte dal Mar Jonio e prosegue nell'entroterra siano al Mar Tirreno è uno dei più studiati dai ricercatori, proprio per la natura del terreno, ricchissimo di fratture e faglie della crosta terrestre, causate dall'intensa attività vulcanica di risalita magmatica, che interessa l'area che va dall'arcipelago delle Eolie e prosegue verso Malta. In sintesi lo scontro delle placce cotinentali dell'Africa e dell'Europa. Novara di Sicilia, trovandosi su questa direttrice geoologica, è un attivo cantiere di ricerca, per le Università di Messina e di Catania. Abbiamo ricevuto dalle Istituzioni Comunali un'accoglienza straordinaria. Il Vice Sindaco Bartolotta, ci ha ricevuto nel graziosissimo teatro comunale, da dove poi è partita l'intera visita. Tanta storia, tanti monumenti, tante tradizioni e tanta disponibilità. Dopo il pranzo e la visita del museo dei vecchi mestieri, il Vice Sindaco, ci ha mostrato alcune esibizioni del gioco con il maiorchino, un tipico formaggio locale stagionato, che viene lanciato lungo le stradine, in concomitanza del Carnevale, in un appassionante torneo tra i cittadini. Vince chi riesce ad arrivare con pochi lanci al traguardo. Visita d'obbligo nel palazzo comunale, dove è permanentemente allestito un interessante museo ricco di reperti geologici del territorio di Novara e di reperti storici ed artistici di illustri novaresi. Grandissimo esperto il vulcanico Sig. Nino Galofaro, grande cultore e studioso di Novara, che ha saputo intrattenerci con le sue puntuali e precise spiegazioni storico e scientifiche. Ai partecipanti mi sento di rivolgere un'invito, quello di far conoscere a quanti non lo sanno, che la nostra Isola custodisce tanti tesori, e Novara di Sicilia è uno tra i più belli. (Enzo Italia)